Home page

Movimento per la Vita - Sezione Provinciale di Prato

 

 

Appuntamenti

Giovani

Concorso europeo

Arte e cultura

Risorse

News Letter

 

 

 

 

A R T E   E   C U L T U R A 

 

"IL MALE CHE INSIDIA L'AMORE UNIVERSALE"
dipinto di Eleonora Padovani
commento di Lucia Padovani

___________________

Oggi sono molte le famiglie che si disgregano ed i divorzi sono in continuo aumento; è una realtà, questa, che, prima di essere giudicata, va affrontata. Questo fatto dimostra che le coppie non si capiscono più, non si sopportano più, comunicano poco e male e si disinnamorano facilmente.
Pertanto, o il matrimonio non ha più alcun valore ed è considerato come un gioco, oppure le coppie

si sposano, irresponsabilmente, senza conoscersi, senza analizzare i propri sentimenti e senza riflettere sulle implicazioni di quell'atto.
Poco importa chi è del primo caso, chi è del secondo o chi è, magari, del terzo non menzionato, più semplicemente, dispiace che la famiglia vada man mano scomparendo. Ma da chi è formata la famiglia?
Anzitutto da un uomo ed una donna. I figli sono, come abbiamo detto, il frutto di questa unione, una conseguenza, ma il primo nucleo familiare è composto da questi due individui. E cosa è successo a questi uomini e queste donne? Quand'è stato che sono entrati in collisione? Quando hanno cominciato la loro guerra?
Non possiamo sapere esattamente quando, perché e come, ma
probabilmente, questa competizione è assai antica ed è fatta di abusi, di soprusi, di vendette, di rivalse, di insicurezze e di rabbia ma, soprattutto, di ignoranza.
Quando Dio ha creato la vita ha voluto che l'uomo ne facesse parte... l'uomo in quanto essere umano, l'uomo in quanto maschio e femmina.
Creati distinti ed uguali, simili e diversi non a caso.
Ciò che fa difetto all'uno è peculiare nell'altra, ciò che uno desidera è quanto l'altra può donare; è come se Dio avesse creato questi due esseri, singolarmente appositamente incompiuti, perché fossero obbligati a cercare, nella loro unione, la perfezione ed il benessere.
Quando Dio ha creato l'uomo lo ha anzitutto amato, in quanto Padre e Madre di quell' essere, nella sua globalità e nello specifico, senza preferenze, e ad esso ha affidato il mondo e la famiglia.
Ma, fino a quando uomini e donne non capiranno che la loro forza e la loro serenità scaturiscono dalla loro fusione, essi non saranno mai individui liberi e felici; stupidamente, continueranno a farsi dividere sempre da un astuto, arcaico, perfido, squallido serpente.

 

<< presentazione e recensione
_________________________________


<< indice arte cultura e vita

 

 

 
 

LE OPERE



   

 

 

 

© 2010 by Movimento per la Vita di Prato - Presidente @ Marco Caponi
Sito web realizzato da  @ Nicola Di Modugno