Home page

Movimento per la Vita - Sezione Provinciale di Prato

 

 

Appuntamenti

Giovani

Concorso europeo

Arte e cultura

Risorse

News Letter

 

 

 

 

A R T E   E   C U L T U R A 

 

"LE VIRTU' DEL GENITORE”
dipinto di Eleonora Padovani
commento di Lucia Padovani

___________________

Partendo dal presupposto che non esiste il manuale del bravo genitore, ci siamo posti questa domanda: quali sono le virtù che illuminano un genitore?
Il nostro punto di riferimento è stata la Sacra Famiglia, ovvero l'analisi delle virtù, sempre attuali, dimostrate da Maria e Giuseppe. Quelle che ci sono sembrate più importanti sono state queste: la costanza, la pazienza, la tolleranza e l'umiltà.
Essere costantemente presenti nella vita di un figlio significa dare a lui la priorità su qualsiasi altra cosa; carriera, ambizione, divertimenti e soldi non potranno mai arricchirci nello stesso modo e non sapranno mai darci le stesse soddisfazioni. Nessun'altra "cosa", insomma, potrà mai sostituire quel genere di amore.
Avere sempre pazienza, di ascoltare, di osservare, di dialogare e di riflettere, anche quando sembra inutile farlo; è l'unica medicina che cura tutti i mali, è l'unico sistema che consente di trovare sempre la soluzione più giusta ed è anche l'unica strada che arricchisce di saggezza l'anima della famiglia.
Tollerare la diversità vuol dire accettare che un figlio sia un essere che viene da noi ma che non ci appartiene. Quel figlio che ci assomiglia nei tratti e nei gesti, è, infatti, un essere unico ed irripetibile, con una propria coscienza, un proprio cammino ed un proprio destino. Al genitore va il compito, complesso, di non farlo smarrire, di sostenerlo nel dolore e di aiutarlo nella scoperta di se stesso e della vita.
Essere umili, per l'essere umano, è in assoluto la cosa più difficile; per un genitore lo è ancora di più. Per un genitore, che ha già fatto una parte importante del proprio percorso e che sente di avere esperienza e conoscenza, è assai gravoso anche solo pensare di doversi mettere in discussione con un figlio. Eppure Maria lo fece sempre con Gesù.
Maria ascoltava Suo Figlio, lo rispettava e rifletteva sui loro dialoghi; Maria lo ha educato all'amore senza dimenticare mai che ognuno aveva la sua parte di verità e che entrambi erano parte della Verità.
Fare il genitore è una missione ed una sfida con noi stessi, ma, ancor di più, è la più grande possibilità che ci viene offerta per dimostrare quanto valiamo e ciò che siamo veramente.

 

<< presentazione e recensione
_________________________________


<< indice arte cultura e vita

 

 

 
 

LE OPERE



   

 

 

 

© 2010 by Movimento per la Vita di Prato - Presidente @ Marco Caponi
Sito web realizzato da  @ Nicola Di Modugno