Home page

Movimento per la Vita - Sezione Provinciale di Prato

   La vita umana

 

Appuntamenti

Giovani

Concorso europeo

Arte e cultura

Risorse

News Letter

 

 

 

 

PROGETTO GEMMA

 Movimento per la Vita di Prato

Abbonamento al mensile 
“SI ALLA VITA”

“un appello pressante a tutti i lettori: facciamo crescere insieme questo giornale perché solo attraverso esso potremo far sentire forte la nostra voce”
Carlo CASINI

 

Carissimi Amici,

"entro" ancora una volta nelle Vostre case perché certo dell’accoglienza fraterna e ….paziente, nell’ascoltarmi attraverso questa lettera, in prossimità della prossima Giornata per la Vita 2005.

Ritengo importante “citare” l’accorato appello del  Presidente nazionale dei Moventi e Centri di Aiuto alla vita,Caro CASINI, affinché la nostra famiglia si consolidi ed aumenti, grazie anche alla vostra sensibilità, a favore della vita umana nella fase più povera e piccola della sua esistenza.

SI ALLA VITA

Tanto è stato detto  su questo mensile…..”monotematico,  di parte….etc. ma resta comunque LA VOCE per chi NON HA VOCE.

Sì alla vita è un piccolo strumento, eppure noi affidiamo ad esso la funzione di far crescere, goccia dopo goccia, la cultura della vita. Perciò diciamo “grazie” ad ogni nostro abbonato di Prato!

Un giorno, ad un incontro con la l’Azione Cattolica in Galciana mi fu chiesto “che cosa si può fare per essere “popolo della vita”…semplicemente: credere profondamente in questo Grande Valore, fondamento di ogni Società  e poi, tra le “piccole azioni”, far conoscere e diffondere il mensile SI ALLA VITA perché  riteniamo  una tra le  prime  e preziose attività che ognuno di noi può fare. Ad esempio  la mia “avventura” nel Movimento e Centro di aiuto alla vita è iniziata con un abbonamento, offerto da un mio carissimo amico.

La parola e l’azione salvano la Vita

Chiediamo quindi ad ognuno di voi non solo di mantenere l’abbonamento, ma anche di procurare almeno un nuovo abbonamento. Una richiesta banale? Non penso perché di fronte al “dilagare” di una cultura non attenta, distratta alle tante grida silenziose del bambino non nato e della donna rimasta sola con una gravidanza inaspettata, l’impegno che ci chiediamo è la risposta forte e amorosa per essere un popolo al servizio della vita, un popolo che SI FIDA DELLA VITA.

 

Cinque “perché” per diffondere il nostro giornale:

  1. L’assoluta disconoscenza dei problemi bioetici più urgenti. Spesso nelle nostre Comunità parrocchiali ci sentiamo dire: “nessuno ne parla”; “perché non lo avete detto prima!”; “non vi si sente…”. Noi, popolo della vita, ci siamo e parliamo. Ogni giorno. Noi studiamo, approfondiamo, spieghiamo, commentiamo, rendiamo comprensibile ciò che è complesso, forniamo argomenti per rispondere e persuadere. E’ urgente che il Sì alla vita sia largamente diffuso;

  2. “L’aspetto più conturbante  della “congiura contro la vita” si svolge “sul piano culturale sociale e politico” (Evangelium vitae 18). E’ un livello dove i numeri contano. Altro è parlare in nome di cento o di centomila persone. La voce di chi non ha voce ha bisogno di molte voci per diventare grido che non può essere ignorato. Per essere presi in considerazione è necessario dimostrare di essere seguiti da molti. Anche per questo è urgente che il Sì alla vita sia largamente diffuso;

  3. Scrive Giovanni Paolo II che urge una mobilitazione generale “per mettere in atto una grande strategia a favore della vita” (Evangelium vitae 95). Il problema ci supera, ma almeno noi facciamo tutto il possibile. Ci sono momenti di particolare mobilitazione. Anche piccole cose come raccolte di firme, inoltro di lettere, manifestazioni, esigono rapidità di comunicazione. Come possiamo se non ci conosciamo? Il minimo del collegamento è l’abbonamento a “Sì alla vita;

  4. Coloro che sono chiamati ad assumere posizioni di punta nell’impegno per la vita nei campi difficili della politica, dell’informazione e della formazione, della professione medica, dell’assistenza, saranno meno soli e saranno più intraprendenti e coraggiosi se si sentiranno sostenuti da molti. Anche per questo è importante la larga diffusione di Sì alla vita;

  5. Sì alla vita è anche una risorsa economica. Piccola, ma che può divenire significativa se sono molti gli abbonati. E risorse economiche occorrono non solo per “fare cultura”, ma anche per salvare concretamente vite umane. Anche per questo è importante la larga diffusione di Sì alla vita.

Ecco, quindi, una idea per celebrare con azioni concrete la prossima Giornata per la Vita ’05“Fidarsi della vita” - che quest’anno ,in particolare a Prato, sarà ricordato con emozione la figura di SE Mons. FIORDELLI. Sì perché grazie alla Sua grande sensibilità per la difesa della vita e della famiglia, sentì l’urgente bisogno (all’indomani della legge 194) di “fermarsi” per riflettere “in un giorno speciale” su questi temi e trovare importanti e concreti segni di speranza perché ogni vita (specie la più piccola e indifesa) fosse salvata.Ecco perciò la GIORNATA PER LA VITA.
Ebbene, cari amici sentiamoci pronti e solleciti ad affrontare con  entusiasmo la bellissima Giornata, ricca di “appuntamenti”, curati dalla Diocesi, dal Centro di Aiuto alla Vita e dal Movimento ………….e poi da tutti  voi che “nel silenzio e nella semplicità” sicuramente farete partecipi le vostre Parrocchie, del messaggio della “Giornata”.
Ultimamente siamo stati accolti con tanto amore dalla Parrocchia di Mezzana, per un bellissimo incontro con i genitori e i ragazzi del 2° anno di cresima…….grazie soprattutto alla sensibilità del Parroco e delle catechiste….basta poco…..a Tobbiana si svolge un “piccolo corso formativo” per i  Catechisti, su questi Temi…..
“La parola e l’azione ”
, due compagni di viaggio inseparabili che prendono “per mano” la Vita.

Un caro e fraterno abbraccio a tutti voi.

Marco Caponi

 


 

 

 

 
 
   

 

 

 

© 2010 by Movimento per la Vita di Prato - Presidente @ Marco Caponi
Sito web realizzato da  @ Nicola Di Modugno